Governo neutrale o voto subito? In evidenza

ON. MIRELLA EMILIOZZI (M5S): Comprendiamo lo sforzo che sta compiendo il presidente Mattarella, ma siamo contrari a un governo neutrale. Si tratterebbe di un altro esecutivo tecnico dopo il Governo Monti e purtroppo quella esperienza ce la ricordiamo fin troppo bene. Un governo neutrale sarebbe completamente slegato rispetto al voto espresso dagli elettori lo scorso 4 marzo, che hanno fatto scelte molto chiare.indexLa soluzione deve essere politica e la politica si deve assumere le sue responsabilità e questo è quello che abbiamo fatto negli ultimi due mesi. Consci della situazione di stallo determinata da una pessima legge elettorale fatta dal Pd e avallata da Forza Italia e Lega, avevamo proposto ai partiti di far nascere un governo del cambiamento sedendoci intorno a un tavolo  e scrivendo insieme un programma di governo basato su punti condivisi, chiari e vincolanti per entrambe le forze. Niente spartizione di poltrone dunque, ma risposte concrete rispetto ai bisogni dei cittadini. Sappiamo com'è andata a finire: i partiti si sono tirati indietro dimostrando ancora una volta di avere più a cuore i loro interessi rispetto al bene del Paese. Preso atto del fatto che da parte loro non c'è alcuna volontà di collaborare, allora l'unica strada percorribile è quella di tornare a votare: il prima possibile.

Ultima modifica il Mercoledì, 09 Maggio 2018 21:21

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I più letti

Ultimi Articoli

Go to top