Residui attivi, una spada di damocle sui conti comunali. In evidenza

RESIDUI ATTIVIMentre qualcuno si diverte con le sottrazioni e le addizioni, il Movimento 5 Stelle cerca risposte che finora nessuno ha dato. In consiglio comunale alla discussione del bilancio consuntivo 2017. Abbiamo chiesto ripetutamente come mai i residui attivi fossero cosi mostruosamente alti, pensate ben 13,6 milioni di euro iscritti a bilancio solo per il 2017 che sommati a tutti gli altri degli anni precedenti portano il valore totale dei residui attivi nei conti comunali a ben 25,5 milioni!
Nessuno dell’amministrazione ha risposto.


Cosa sono i residui attivi? Sono somme accertate ma non incassate entro il termine dell'esercizio : rappresentano dei crediti del comune, ma questi crediti sono già stati impegnati con il bilancio preventivo, quindi ci troviamo di fronte ad una manovra molto pericolosa in cui si spendono soldi che ancora non sono in cassa ma che dovrebbero entrare. Ora il problema è tutto lì e lo si legge benissimo dal bilancio. Se queste somme già spese non dovessero entrare?  Nel solo 2017 il comune non ha incassato ben 13,6 milioni di tasse multe o servizi erogati, a questi si devono sommare altri 11,9 milioni non incassati nei precedenti anni. Siamo preoccupati perché questi crediti che dovrebbero essere incassati negli anni successivi diventano inesigibili dopo 6 anni. Ma questi crediti sono già stati spesi nei bilanci di previsione e quindi se non vengono incassati diventeranno delle perdite da coprire. Come? Come sempre : o con altre tasse oppure come è successo qualche anno fa spalmando gli stessi residui attivi oramai inesigibili in 30 anni (la perdita è stata trasformato in una specie di mutuo), perdita che negli anni sarà chiaramente coperta sempre con soldi nostri. Una cifra cosi alta di 25,5 milioni di euro mette a serio rischio non solo il bilancio comunale ma la stessa struttura economica dell’ente.
Su questo nessuno ha acceso un riflettore; solo noi siamo preoccupati di questo?
Chiaramente come Movimento continueremo a monitorare la situazione ed informarvi sugli sviluppi.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

I più letti

Ultimi Articoli

Go to top